Dolci Tipici Natalizi Italiani

dolci tipici natalizi italiani

La stagione delle feste è attesa con trepidazione dai golosi da nord a sud. 

Fin dall’infanzia, il Natale prevede una miriade di torte, biscotti e dolci da gustare non solo il 25 dicembre. L’Italia è nota per le sue ricette che uniscono gusto e tradizione: c’è un mondo da scoprire oltre il tradizionale panettone.

Quindi, per entrare nello spirito festivo (ma si spera non sulla poltrona del dentista), ecco una selezione di migliori dolci tipici natalizi italiani.

Panettone

La quintessenza del dolce natalizio italiano, il panettone si mangia a Natale e Capodanno non solo in patria, ma in tutto il mondo. La pagnotta di pane dolce a forma di cupola è arricchita da una speciale miscela di uvetta, arancia candita, cedro e scorza di limone.

panettone di natale

Quest’invenzione si fa risalire al XV quando, il nobile Ughetto Atellani, pare avesse preparato un prototipo di panettone per impressionare la figlia del fornaio, Adalgisa. Oggi, il suo rapporto qualità-prezzo, la pronta disponibilità e il gusto delizioso si aggiungono al perfetto dolce natalizio. Può essere gustato in molti modi: da solo, con il cioccolato nel mezzo o con una cucchiaiata di crema al mascarpone a lato.

Il tempo per la preparazione del panettone è piuttosto impegnativo. La lievitazione dell’impasto può richiedere molto tempo se si vuole avere un risultato soffice. Il suo sapore ricompensa l’attesa, con quella gustosa miscela di frutta e pane dolce appena cucinato che garantisce una trepidante attesa a qualsiasi tavola di Natale.

Pandoro

Pandoro o panettone? Questa è la diatriba che va per la maggiore sulle tavole italiane. Il pandoro è un dolce da far venire l’acquolina in bocca, tradizionalmente cotto a forma di stella a otto punte.

Pandoro sta per Pane d’Oro, e questo dolce (originario di Verona) ha un sano colore dorato: si dice che più fresco è l’uovo, più dorato è il colore. Le uova fresche sono il trucco della ricetta e vengono aggiunte all’impasto che richiede circa un giorno per essere preparato.

pandoro

Il composto viene versato in uno stampo a forma di stella e, una volta cotto, viene servito con una spolverata di zucchero sulla parte superiore. Puoi il pandoro a piacimento, semplice o arricchito da mascarpone, panna montata o cioccolato fuso. Oggi è apprezzato da tutti: si dice che le vendite di questa famosa torta ammontino a circa 117 milioni ogni anno.

Panforte

Un’altra costante del Natale è il panforte, un dolce tradizionale che contiene frutta e noci, per non parlare di miele, spezie e mandorle.

Panforte sta per Pane Forte, e la sua origine sembra risalire ad una ricetta senese del XIII secolo. Già nel 1205 il Panforte era utilizzato come pagamento per i monaci e le monache del locale monastero. Questo dolce è estremamente popolare nella sua terra natale, anche perché è relativamente facile da preparare. Lo zucchero viene sciolto in un composto di miele e noci, con l’aggiunta di frutta e spezie che vengono mescolate insieme e versate in una padella bassa durante la cottura. Ancora una volta, si consiglia una copertura di zucchero a velo per quel tocco finale invernale.

panforte di natale

Le varianti di questo grande dessert includono il Panforte nero (una versione più scura con un gusto di mandorle di fondo) e il Panforte Margherita (una versione più leggera e delicata che fu originariamente ideata da Enrico Righi nell’Ottocento per essere servita alla regina Margherita).

Torrone

Il torrone è un altro dolce popolare da gustare nel periodo natalizio, soprattutto per gli amanti della cioccolata. Il torrone può variare nella consistenza e soddisfare entrambi i gusti, da quelli morbidi e gommosi a quelli più duri e fragili. Può essere realizzato con nocciole o senza, con diversi tipi di cioccolato, dal gianduia al fondente.

torrone di natale

Si dice che il Torrone più antico risalga al periodo romano. Il torrone di Benevento era ampiamente riconosciuto nella zona del Sannio e tutt’oggi è molto rinomato. Oggi il torrone si prepara con miele, zucchero, albumi insieme a una manciata di mandorle tostate o altra frutta secca, a seconda della località di provenienza. Puoi anche aggiungere altri aromi come vaniglia o limone per addolcirne ulteriormente il gusto.

Mostaccioli

Aggiungi un po’ di pepe questo Natale con questi favolosi biscotti. I mostaccioli sono realizzati con cioccolato e un pizzico di spezie, ma devono il loro nome al ripieno di mosto cotto di uva. La ricetta originale sembra provenire dall’area campana. 

mustaccioli dolce siciliano di natale

Offrono un ottimo gusto che combina il dolce e l’amaro: anche in questo caso, ci sono molte varianti per addolcire questo biscotto. Il miele è la scelta principale, anche se puoi usare limone o cannella nell’impasto.

Buccellato

Conosciuta anche come cucciddatu, cudduredda e una varietà di altri nomi nei dialetti ricchi di consonanti della Sicilia, questa torta a forma di anello è costituita da una crosta perforata avvolta attorno a un denso ripieno di fichi secchi, uvetta, mandorle, pistacchi e cioccolato fondente.

buccellati di natale

Le versioni più festive presentano anche una serie di frutta candita dai colori vivaci, sia all’interno che all’esterno.

Cartellate

Realizzati in Puglia e nelle regioni limitrofe, questi nidi di nastri di pasta fritti vengono immersi nel miele, sciroppo di fichi o mosto di vino ridotto, conferendo loro una consistenza appiccicosa. 

cartellate pugliesi di natale

Oggi, le strisce di pasta arricciate rappresentano le fasce del bambino Gesù o la corona di spine, ma la gente del posto sostiene che le cartellate abbiano origini precristiane che risalgono all’antica Grecia.

Struffoli

Prodotte a Napoli e in tutta l’Italia centro-meridionale, queste palline di pasta fritta delle dimensioni di arachidi sono condite con miele e disposte in pile piramidali, per poi essere ricoperte di coloratissimi zuccherini.

struffoli di natale

Le varianti richiedono un impasto arricchito di liquore, ma praticamente ogni porzione di struffoli viene impreziosita da granelli colorati.

Parrozzo

Dalla sua invenzione a Pescara nel 1920, il parrozzo ricoperto di cioccolato fondente a cupola è diventato sinonimo di Natale in Abruzzo. Cercando scherzosamente di rievocare il pane di mais locale in crosta scura (chiamato “pane rozzo”), il pasticcere Luigi d’Amico ha ideato una torta ricca di uova ricoperta da un guscio di cioccolato. 

Parrozzo dolce di natale

Artisti e scrittori locali hanno difeso il prodotto locale e l’hanno immortalato nell’arte e nella letteratura, portandolo alla sua diffusione in tutto l’Abruzzo.

Nessun Commento a “Dolci Tipici Natalizi Italiani”

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. Campi obbligatori *


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.